San Giovanni Battista

affresco raffigurante San Giovanni Battista presso Chiesa di San Giacomo – Jerago

24 Giugno

La nascita di un figlio compie la promessa di un Angelo, che a Zaccaria aveva annunciato: “tua moglie Elisabetta, pur nella sua tarda età, ti darà un figlio che chiamerai Giovanni”.

La scelta di questo nome viene sottolineata nel racconto evangelico, perché la madre lo impone contro la volontà dei parenti ed il padre di Zaccaria ritrova la voce per l’assenso che dà a quel nome. Si tratta, come spesso nella Bibbia, di un nome carico di significato: esso vuol dire” Il Signore è stato favorevole”. In Giovanni, dunque, si manifesta il favore di Dio per il Suo popolo, perché quel bambino “sarà chiamato Profeta dell’Altissimo ed andrà innanzi al Signore per preparargli le strade”, unico tra i profeti ad avere il privilegio di indicare presente il Messia tanto atteso ed invocato.

La natività di Giovanni è, dunque, ancora una volta, la celebrazione della iniziativa di Dio che viene incontro al suo Popolo e che prepara, così, la venuta del Suo Figlio: una venuta che non è imprevista ed inattesa, ma che affonda le sue radici in una storia di secoli, in un’alleanza antica e contrasta, in un piano d’amore che percorre la storia d’Israele e che trova il suo culmine in Giovanni, il precursore di Gesù, e che fiorisce in Maria, la figlia di Sion, la Madre del Signore.

Don Angelo

Pubblicato da weissewand

Laureato in filosofia con indirizzo storico all’ Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Lettore onnivoro. Appassionato di cinema dall’adolescenza, ho scoperto la critica cinematografica grazie alla Nouvelle Vague francese. Promotore di blog e coordinatore editoriale del sito Storia dei Film per quasi un decennio. Vivo in quell’angolo di mondo tra Milano e il lago Maggiore a pochi km dal confine svizzero patria dei miei avi, scultori e mastri comacini originari del mendrisiotto (Castel San Pietro - Ticino), scesi qualche secolo fa nella Valle dell’ Arno a Solbiate, frazione Monte, per affrescare la chiesa di Sant’ Agata e ivi rimasti. La mia famiglia è stata poi legata per un secolo ad un’ importante attività industriale di tessitura nel mio paese di residenza, attività nella quale ho avuto il primo contatto con il mondo del lavoro. Attualmente lavoro come impiegato amministrativo in una ditta metalmeccanica legata all’edilizia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: