S. GIACOMO APOSTOLO

affresco Chiesa di San Giacomo – Jerago

25 Luglio

Giacomo, figlio di Zebedeo e fratello di Giovanni, è ricordato nei Vangeli sinottici, ma non nel quarto Vangelo.

E’ chiamato il “Maggiore” per distinguerlo da Giacomo citato in Mc.15,40, detto il “Minore”.

Gesù lo chiamò a seguirlo insieme al fratello, mentre essi erano sulla barca da pesca del padre (Mc. 1,19 SG.).

I due figli di Zebedeo formano, poi, con Pietro, il gruppo che ha maggiore intimità con Gesù (Mc.3,17; 5,37; 9,2; 13,3; 14,33).

Le caratteristiche personali di Giacomo, che è ricordato nei Vangeli solo insieme al fratello, non ci sono note. La profezia da parte di Gesù del martiri dei fratelli (Mc.10,35 SG.) si realizzò per lui  quando venne ucciso di spada, al più tardi nel 44 D.C., dal re Erode Agrippa I° (At. 12,2 SG.)

La leggenda che Giacomo abbia operato in Spagna e sia stato sepolto in questa nazione si incontra per la prima volta nel VII secolo in  Isidoro di Siviglia. Certo è che la tomba di San Giacomo a Santiago de Compostela fu onorata moltissimo nell’alto medioevo. Santiago fu, dopo Gerusalemme e Roma, la meta di pellegrinaggi più frequentata della cristianità.

Giacomo, che con l’arcangelo Michele fu il santo protettore nella guerra contro i Mori, conobbe una particolare venerazione soprattutto nell’ambito del culto iberico. Numerosi ordini e confraternite portano il suo nome, e molte città che presero nome da lui  nell’America spagnola (Santiago, San Diego), testimoniano ancora oggi la sua popolarità.

Il giorno della festa era una data importante nel costume popolare contadino (Inizio della raccolta del fieno o festa dei pastori e le “mele di S. Giacomo”).

Giacomo è patrono della sua Spagna, patrono dei pellegrini, dei farmacisti e dei droghieri; è anche patrono dei cavalieri e dei soldati, dei cappellai, dei fabbricanti di calze, di coloro che fabbricano le candele e dei facchini.

E’ invocato anche contro i reumatismi, per la buona crescita delle mele e dei frutti di campo e, infine, per il tempo bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: