Via Crucis di tutti noi – 10a Stazione

Decima stazione: la spoliazione Natale di sangue Quando il corpo di un uomo viene dato in pasto alla curiosità, alle offese volgari, alle sghignazzate della teppaglia, quello non è più un uomo. “… Se la folla, ha una lingua per gridare, una bocca per fischiare, delle mani per graffiare e scagliare sassi, possiede anche qualcosaContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 10a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 9a Stazione

Nona stazione: terza caduta. Ancora a terra, tutto regolare. “Guardai, nessuno aiutava;  osservai stupito: nessuno mi sosteneva” (Is 63,5) C’è il rischio dell’abitudine. Non ci si stupisce più. E’ normale che, un uomo, in quelle condizioni, non riesca a reggersi in piedi e si afflosci come un sacco vuoto. Gesù pare voler piantare la croceContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 9a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 8a Stazione

Ottava stazione: Gesù e le donne di Gerusalemme Compassione e discrezione. E’, forse, la “stazione” più imbarazzante. Le “figlie” di Gerusalemme sono mosse da autentica pietà. Non possiamo dubitare della sincerità delle loro lacrime. Avvertono una lacerazione profonda nel cuore.  Viene portato via come un malfattore colui che è passato facendo del bene e caricandosiContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 8a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 7a Stazione

Settima stazione: seconda caduta. Sfinito a causa della strada che resta da percorrere. Simone di Cirene fa del suo meglio, ce la mette tutta. Nonostante ciò, Lui non riesce più a reggersi, ogni passo richiede uno sforzo immane, ogni pietra diventa un ostacolo insormontabile, una trappola micidiale. Cade ancora. Non è soltanto il peso dellaContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 7a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 6a Stazione

Sesta stazione: la Veronica La restituzione del volto. Anche se non è attestata dal Vangelo, abbiamo bisogno di questa “stazione”. Perché il volto dell’uomo è sempre in pericolo di scomparire e occorre ci sia qualcuno che, come la Veronica, ce lo faccia ritrovare. Non sappiamo nulla di lei. Ma la tradizione ha consegnato alla memoriaContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 6a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 5a Stazione

Quinta stazione: Simone di Cirene requisito per portare la croce. Il facchino che dà una mano a Dio. Non è un teologo e nemmeno un cardinale. Non si tratta di una persona devota, uno dei “nostri”. Un semplice passante, il primo venuto. Certo, l’incombenza non era appetibile. Hanno dovuto “requisirlo”. I militari non usano invitareContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 5a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 4a Stazione

Quarta stazione: incontro con la madre. Ecco la donna! A Cana si era sentito dire: “Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora” (Gv 2,4). Adesso che l’ora è scoccata, l’ora del dono totale, l’ora della “gloria”, così diversa da come ci si sarebbe aspettati, lei è presente.Continua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 4a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 3a Stazione

Terza stazione: prima caduta. La terra registra il sussulto del cuore di Dio. “Ecco l’agnello di Dio che toglie il peccato del mondo” (Gv 1,29). L’agnello sta a indicare l’obbedienza, la docilità. Ed è sottesa l’idea di un amore inerme che arriva fino all’immolazione suprema, al sacrificio totale di sé. Gesù, servo-agnello di Dio, haContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 3a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 2a Stazione

Seconda stazione: Gesù porta la croce Un Dio imparentato con il nostro soffrire. “Essi allora presero Gesù ed egli, portando la croce, si avviò verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Golgòta””, riconosce Pilato /Gv 19,17). Su quel corpo devastato dai flagelli, massacrato dalle botte, si abbatte la trave della croce. La legge imponeContinua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 2a Stazione”

Via Crucis di tutti noi – 1a Stazione

Prima stazione: Gesù condannato Lui, colpevole. Noi, graziati. “Io non trovo in lui nessuna colpa”, riconosce Pilato /Gv 19,31). Eppure l’innocente viene “consegnato” per essere crocifisso.  Negli schedari del Tempio Gesù rimarrà classificato come bestemmiatore, impostore. Negli archivi del governatorato romano la pratica intestata a Lui lo presenterà nelle vesti di delinquente, malfattore, sedizioso, agitatore,Continua a leggere “Via Crucis di tutti noi – 1a Stazione”