Settimana di preghiera e di incontri sulla vocazione e sul senso della vita in occasione del 40º di consacrazione sacerdotale di Don Angelo

Carissimi, è certamente un momento di gratitudine al Signore Gesù per avermi chiamato a servire la Sua Sposa, la Santa Madre Chiesa.

Ma voglio dirvi il mio grazie per la partecipazione a questo momento di tutto il   “Popolo di Dio” sia come adesione personale che come partecipazione delle associazioni, gruppi e della mia leva che è la stessa del nostro nuovo Arcivescovo Dionigi Tettamanzi.

Ma desidero innanzitutto ringraziare il Signore con le stesse parole della Madonna alla quale affido ogni giorno la mia vita perché sia sempre al vostro servizio:

“ Ha fatto di me grandi cose l’Onnipotente

perché ha guardato la piccolezza, 

la nullità del suo servo.

Si, carissimi, se noi siamo disponibili come Maria ai dettami dello Spirito Santo, Dio Padre

non ha vergogna di assumere la nostra umanità per fare le Sue grandi cose che sono la salvezza dei suoi figli amati sempre, senza esitazioni.

Proprio in questa settimana di preghiera, il Signore mi ha chiesto di condividere la sua vita, la sua solitudine con un episodio febbrile improvviso. Ma voi siete stati grandi perché anche in mia assenza vi siete radunati in preghiera.

Leggendo, a letto, il brano di San Paolo che sarebbe stato letto anche Domenica 22 settembre della XXV domenica per annum, mi veniva spontaneo di ripetere con lui:

“ Fratelli, Cristo sarà glorificato nel mio corpo sia che io viva, sia che io muoia. Per me, infatti, vivere è Cristo e morire un guadagno. Ma se il vivere nel corpo significa lavorare con frutto, non so davvero che cosa scegliere…..

Per conto mio sono convinto che resterò e continuerò ad essere di aiuto a voi tutti per il progresso e la gioia della vostra fede”.

Si, carissimi, la vostra presenza, la vostra preghiera e la vostra fede è ciò che sorregge la mia vita nell’essere sempre a vostra disposizione come

dono della mia vita

perché cresca in Cristo

nell’accoglienza,

nell’affezione a voi.

Siete l’occasione, unica, oggi, perché la vita cresca nella fedeltà di Cristo Gesù.

E, allora, Domenica 29 settembre sentendo annunciare la Parola di Dio attraverso la lettera di San Paolo ai Filippesi, facevo mie anche queste sue parole:

“ Se c’e qualche consolazione in Cristo, se c’è conforto derivante dalla Carità, se c’è qualche comunanza di Spirito, se ci sono sentimenti di amore e di compassione,

rendete piena la mia gioia

con l’unione dei vostri spiriti

con la stessa carità,

con i medesimi sentimenti”.

Si, carissimi, perché ciò che ferisce il cuore di un sacerdote o di un papà o di una mamma è

lo spirito di rivalità e la vanagloria

che non rispettano le persone e l’immagine di Cristo che è nel loro volto! E allora si cerca il proprio interesse e si perde il cuore di Cristo Gesù che si è

Umiliato per innalzare ognuno di noi.

Carissimi, chiedete sempre a Gesù attraverso l’intercessione della Madonna che io ed ogni sacerdote, che ogni persona che mette a disposizione se stessa per il bene degli altri si

Converta ogni giorno al

Cuore di Gesù

Per vivere nella propria umanità

I suoi sentimenti.

Vieni Santo Spirito, vieni attraverso Maria.

Con affetto e gratitudine

Don Angelo

Pubblicato da weissewand

Laureato in filosofia con indirizzo storico all’ Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Lettore onnivoro. Appassionato di cinema dall’adolescenza, ho scoperto la critica cinematografica grazie alla Nouvelle Vague francese. Promotore di blog e coordinatore editoriale del sito Storia dei Film per quasi un decennio. Vivo in quell’angolo di mondo tra Milano e il lago Maggiore a pochi km dal confine svizzero patria dei miei avi, scultori e mastri comacini originari del mendrisiotto (Castel San Pietro - Ticino), scesi qualche secolo fa nella Valle dell’ Arno a Solbiate, frazione Monte, per affrescare la chiesa di Sant’ Agata e ivi rimasti. La mia famiglia è stata poi legata per un secolo ad un’ importante attività industriale di tessitura nel mio paese di residenza, attività nella quale ho avuto il primo contatto con il mondo del lavoro. Attualmente lavoro come impiegato amministrativo in una ditta metalmeccanica legata all’edilizia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: