COMMEMORAZIONE DON ANGELO CASSANI NEL PRIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE

Dopo aver ascoltato le testimonianze per lo più di natura morale e spirituale riguardanti esperienze vissute con Don Angelo e che penso siano più importanti di questa relazione economica che sto per leggervi su incarico del consiglio economico parrocchiale. Don Angelo non è stato solo un grande dispensatore di consigli spirituali, dei quali tutti noi ne abbiamo tratto beneficio, ma anche promotore di opere materiali con le quali si è migliorata ed arricchita tutta la parrocchia. Queste opere sono visibili a tutti e sono nell’ordine le seguenti: rifacimento tetto e pareti esterne chiesa di San Giorgio, ristrutturazione e messa a norme di sicurezza sala Auditorium, consolidamento base campanile e relativo restauro, messa a nuovo della vecchia chiesa di san Giorgio ed infine costruzione del nuovo Oratorio.

Tutte queste opere sono state realizzate grazie al contributo economico personale di Don Angelo che man mano servivano fondi per far fronte alle richieste dei fornitori, andava ad integrare le insufficienti offerte dei parrocchiani. L’importo complessivo di tutte queste opere è stato di circa un milione e settecentomila euro, del quale risulta saldato oltre il 95% del totale.

Di questa consistente spesa il contributo personale di don Angelo è stato di circa seicentoventimila 620.000 euro, cioè oltre un terzo del totale complessivo. 

L’opera benefica di don Angelo però non si è fermata all’esclusiva realizzazione di opere materiali, ma seguendo alla lettera l’insegnamento del Vangelo e di San Paolo per una condivisione dei suoi beni con gli altri, era sempre pronto a dare a chi gli chiedeva denaro in prestito, pur sapendo che quei soldi non sarebbero più ritornati. Inoltre provvedeva con un bonifico mensile al mantenimento di seminaristi che poi divennero sacerdoti presso la Fraternità Sacerdotale di San Carlo a Roma. Infine integrava con fondi personali le offerte per le missioni. Probabilmente con il suo grande cuore avrà fatto oltre opere di bene che non conosco.

Di tutto questo lui non voleva che si sapesse in giro, perciò ora, ad un anno dalla sua scomparsa ritengo sia giusto ed indispensabile pubblicizzare tutto quello che ha donato alla parrocchia di Jerago.

Ringrazio don Remo che ha permesso la divulgazione di queste notizie e sapendo che si sta già attivando affinché si faccia qualcosa che ricordi per sempre don Angelo e prego affinché a breve si possa avere anche in Oratorio un ricordo perpetuo. 

Concludo ricordando un suo pensiero che mi ha accompagnato in questi anni vissuti vicino a lui: “ La felicità di vivere sta nel cercare la propia gioia mettendosi al servizio della gioia di tutti”.

Alessandro Scaltritti ( Consiglio Affari Economici)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: