Testimonianza Giobatta Lavarini

Con una certa emozione, esprimo il mio sentimento di un caro ricordo, per don Angelo.

Ho sentito il sua affetto umano, quando, essendo ricoverato in ospedale- la mia degenza è stata di quattro mesi,-don Angelo quasi tutti i giorni mi faceva visita, anche ad orari impensabili, questo, perché a lui era permesso entrare in ospedale a tutte le ore.

Ancora, mi sono sentito molto onorato di accompagnarlo negli ultimi tempi, per la benedizione natalizia alle famiglie.

In quell’occasione ho notato in lui il fervore di parroco quando, trovando alcune famiglie assenti, mi diceva di tornare in un secondo tempo.

L’entusiasmo, la premura, la cordialità e l’affetto per la parrocchia e la sua gente erano le sue doti principali e si sforzava di essere tale sfidando la sua malattia.

Don Angelo ripeteva sovente che il modo di sentirci uniti nella Comunione della Chiesa è la preghiera e questo e altri modi di dire, nonché i suoi atteggiamenti e consigli mi rimarranno scolpiti per sempre nella mente e nel cuore.

Avrei ancora molto da dire, ma mi limito a queste poche espressioni e volgendomi a lui dico: “ Don Angelo grazie di tutto e di quanto mi ha donato e la prego di continuare a volermi bene come e più di allora ricordandomi al Signore” .

Don Angelo ancora un grazie grande così!

Giobatta (Gianni) Lavarini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: