Via Crucis – Quaresima 1988 – 12. LA MORTE IN CROCE DI GESU’

dipinto e foto di Gianfranco Battistella

Pres.: TI adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.

Tutti:  Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.

Lett.: Gesù, sul Calvario, sì lasciò crocifiggere fra due ladri. Non li ha scelti, ma non li ha neppure rifiutati, forse meglio che fra certi galantuomini.

Al buon ladrone ha regalato il Paradiso: è un grazie ad una goccia di umana pietà.

All’altro, che bestemmiava ancora, dona il suo capo reclinato perché incontrando con lo sguardo il suo volto trasfigurato dalla morte, gli salga dal cuore chiuso un pensiero d’amore.

Tu conquisti il nostro cuore con il tuo amore!

L’uomo, invece, vende, rinnega, abbandona, tradisce, Ti crocifigge.

La sua bontà non fu fermata dalla nostra malvagità che, inchiodandoGli le mani, non Gli chiuse le braccia; squarciandoGli il cuore ne ha fatto straripare l’Amore.

Di fronte alla nostra cattiveria tu sei rimasto buono,

un po’ d’acqua è diventata vino per la gioia degli sposi.

Qualche pane si moltiplica e sfama una moltitudine.

Un cieco qual io sono incomincia a vedere che la vita

è da donare.

Un cuore squarciato ridona un volto buono a noi che

siamo cattivi.

Gesù è passato per tutte le strade: è passato anche per queste strade? Anche

qui. Guarda bene e troverai l’impronta dei suoi piedi trafitti.

E troverai le sue braccia …. Sono tentacoli d’amore e di carità gettati sui fossati scavati dai nostri peccati, dalle nostre incapacità di amarci, di stimarci, di sorreggerci nelle nostre difficoltà.

Il più grande peccato è quello di credere che ci possa essere un peccato che superi la Sua misericordia, un peccato che la Sua misericordia non possa perdonare se noi glielo domandiamo di cuore.

Preghiera

Tutti. Signore, ogni lacrima è tua; tua ogni miseria; tua ogni agonia.

Tu hai fame, Tu hai sete,Tu sei malato, Tu sei nudo,Tu sei senza casa,Tu sei prigioniero, Tu sei schiavo; Tu sei il dolore che fu, che è oggi, che sarà nei secoli: sei l’uomo del dolore, sei il crocifisso di ogni ora, l’Amore di ogni istante

MI  INGINOCCHIO  E TI  ADORO

Pres.: Cristo, il cui amore non indietreggia davanti a nulla, neppure davanti alla croce, ti supplichiamo.

Tutti: Abbi pietà di noi!

Pres.: Cristo, trattato da peccato per rivelare l’amore, più grande di ogni cosa, ti supplichiamo.

Tutti: Abbi pietà di noi!

Pres.: Cristo, il cui amore è più forte della morte, sempre pronto a perdonare e a sollevare, ti supplichiamo.

Tutti: Abbi pietà di noi!

Tutti: Voglio stare a te vicino

presso il figlio tuo morente

e soffrire accanto a te.

Santa Madre del Signore

le sue piaghe dolorose

segna tu dentro di noi.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: